Nuova vita per “Anthropotes”, la rivista dell’Istituto Jp2

Nuova vita per Anthropotes: la rivista del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II cambia editore e si confronta con un radicale rinnovo che passa anche attraverso le nuove  tecnologie e mezzi di comunicazione digitale.

Dal mese di giugno 2022, infatti, la rivista viene pubblicata dalla storica e prestigiosa Editrice  Studium, fondata nel 1927 da Igino Righetti e l’allora monsignore Giovanni Battista Montini (futuro papa Paolo VI) e si presenta con una rinnovata veste grafica.

Tra le grandi novità, anche la possibilità di acquistare la rivista in formato digitale, oltre che nelle librerie e in abbonamento.

Il primo numero della nuova serie debutta a giugno in occasione dell’Incontro Mondiale delle Famiglie, con un approfondimento su Discernimento, eredità e tradizione basato su due convegni promossi dall’Istituto in occasione dell’Anno Famiglia Amoris Laetitia: Il discernimento: uno stile cristiano di vita (che si è svolto il 18 febbraio 2022) e La tradizione: eredità che promuove (5 aprile 2022).

Il numero raccoglie saggi di Pier Davide Guenzi, Luca Pedroli, Andrea Bozzolo, Luca Bressan, Gilles Routhier, Filippo Aschieri, Cristina Augello e Alessia Calabrò, Domenico Simeone, Giovanni Cesare Pagazzi, Donatella Scaiola, Leonardo Paris, Raffaella Iafrate, Andrea Dall’Asta, Philippe Bordeyne, Stephan Kampowski, Pierpaolo Triani, Stella Morra e Marcello Neri.

Il volume contiene anche una presentazione dell’Anno Accademico 2022-2023 del Jp2 e un ricordo di Francesco D’Agostino, presidente dell’Unione Giuristi Cattolici e per molti anni docente all’Istituto, tracciato da Gabriella Gambino.

Giunto al suo trentottesimo anno di pubblicazioni, Anthropotes vede il preside Philippe Bordeyne come direttore scientifico e il professor Gilfredo Marengo come direttore editoriale; il Comitato scientifico, totalmente rinnovato, è composto da diciassette esperti provenienti da otto diversi paesi del mondo.

LEGGI L’INDICE E I SOMMARI DEL NUMERO 1-2 2022

ABBONATI AD ANTHROPOTES

ACQUISTA LA VERSIONE DIGITALE