ISTITUTO

Il Pontificio Istituto Teologico “Giovanni Paolo II” per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia vuole promuovere la famiglia come scuola di umanità, come risorsa che dobbiamo curare, proteggere e accompagnare.

Gli assi portanti della missione dell’Istituto sono i seguenti:

  • Servire la vocazione e la missione del matrimonio e della famiglia;
  • Promuovere la riflessione interdisciplinare sulla famiglia a livello internazionale e con le istituzioni accademiche civili;
  • Attuare una pedoagogia adattata ad un pubblico adulto e interculturale, laboratori di ricerca e pubblicazioni innovative per formare e sostenere gli artigiani di una pastorale attenta ai giovani e alle famiglie nella loro diversità;
  • Mettere la solidarietà, la fraternità e il lavoro collettivo al centro del servizio dell’amore umano.

L’Istituo è stato fondato con la Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio del Sommo Pontefice Francesco Summa familiae cura del 8 sett. 2017.
Tale Istituto succede, sostituendolo, al Pontificio Istituto “Giovanni Paolo II” per Studi su Matrimonio e Famiglia, stabilito dalla Costituzione Apostolica Magnum Matrimonii Sacramentum del 7 ott. 1982.

In data 11 luglio 2019, la Congregazione per l’Educazione Cattolica ha approvato gli Statuti del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II nonché l’Ordinamento degli Studi.

L’Istituto si articola in una Sede centrale a Roma, in sette Sezioni estere negli Stati Uniti (Washington D.C.), in Messico (México D.F., Guadalajara e Monterrey), in Spagna (con due sedi distinte, una a Valencia e altra a Madrid), in Brasile (Salvador), in Benin (Cotonou), in India (Changanacherry, Kerala) e Centri associati in Libano (Beirut), nelle Filippine (Bacolod), in Puerto Rico (Arecibo) e nella Repubblica Dominicana (Santo Domingo).

Unico centro di alta formazione interamente dedicato agli studi teologici e alle scienze su matrimonio e famiglia.

Il Pontificio Istituto Jp2 è a servizio dell’universalità del ministero del vescovo di Roma, sostenendo l’intelligenza della fede a favore della missione nelle Chiese locali e nella Chiesa tutta. L’Istituto collabora con il Dicastero per i Laici, la Famiglia e la vita per promuovere un comune indirizzo negli studi su matrimonio, famiglia e vita, anche attraverso percorsi di formazione e occasioni di scambio con la rete mondiale dei movimenti familiari.

Gli studenti della sede centrale provengono da 46 paesi diversi e contribuiscono a creare un clima di arricchimento culturale per chi sceglie di studiare a Roma. La struttura internazionale dell’Istituto facilita la mobilità di docenti e studenti, per una formazione sensibile alle culture e alle sfide globali al servizio della Chiesa universale.

Lezioni frontali, seminari e laboratori. Particolarmente attento alla dimensione pastorale, l’Istituto promuove una teologia che apprende dalle famiglie e dalle loro esperienze e competenze.

 

“La lungimirante intuizione di San Giovanni Paolo II, che ha fortemente voluto questa istituzione accademica, oggi può essere ancora meglio riconosciuta e apprezzata nella sua fecondità e attualità. Il suo sapiente discernimento dei segni dei tempi ha restituito con vigore all’attenzione della Chiesa, e della stessa società umana, la profondità e la delicatezza dei legami che vengono generati a partire dall’alleanza coniugale dell’uomo e della donna. Lo sviluppo che l’Istituto ha avuto nei cinque continenti conferma la validità e il senso della forma “cattolica” del suo programma. La vitalità di questo progetto, che ha generato una istituzione di così alto profilo, incoraggia a sviluppare ulteriori iniziative di colloquio e di scambio con tutte le istituzioni accademiche, anche appartenenti ad aree religiose e culturali diverse, che sono oggi impegnate a riflettere su questa delicatissima frontiera dell’umano.”

PAPA FRANCESCO, Discorso alla comunità accademica dell’Istituto, 27 ottobre 2016