RICERCA

Il nuovo Istituto costituirà, nell’ambito delle istituzioni pontificie, un centro accademico di riferimento, al servizio della missione della Chiesa universale, nel campo delle scienze che riguardano il matrimonio e la famiglia e riguardo ai temi connessi con la fondamentale alleanza dell’uomo e della donna per la cura della generazione e del creato.

(Papa Francesco, Summa familiae cura, 8 settembre 2017)

 

L’Istituto promuove una visione integrata della ricerca accompagnando la formazione di un pensiero critico, creativo e cooperativo. L’offerta dei percorsi di studio si caratterizza per la collaborazione tra diverse realtà e iniziative, in un clima di ricerca comune. L’Istituto svolge inoltre la propria missione non solo offrendo qualificati percorsi di formazione, ma costituendosi quale luogo di pratiche teologiche e culturali. Perseguendo uno stile di collaborazione tra diverse realtà ecclesiali e civili, l’Istituto desidera affiancarsi al cammino dei numerosi soggetti culturali presenti nella città di Roma e nel mondo intero. Gli studi ecclesiastici «costituiscono una sorta di provvidenziale laboratorio culturale in cui la Chiesa fa esercizio dell’interpretazione performativa della realtà che scaturisce dall’evento di Gesù Cristo e che si nutre dei doni della Sapienza e della Scienza di cui lo Spirito Santo arricchisce in varie forme tutto il Popolo di Dio» (Francesco, Veritatis gaudium, 3).  

 

Cattedra Gaudium et spes

La Cattedra Gaudium et spes, inaugurata il 25 gennaio 2018, vuole essere un referente istituzionale dedicato alla promozione della ricerca e della formazione nei campi di intersezione fra teologia pastorale, antropologia culturale della famiglia e società civile, nell’orizzonte di una nuova presenza evangelizzatrice della Chiesa. A tal fine le attività della Cattedra, essendo prevalentemente indirizzate a un pubblico ampio, intendono promuovere percorsi di collaborazione tra i diversi soggetti della vita culturale, sociale e pastorale. In tal senso la Cattedra Gaudium et spes favorisce forme e percorsi di promozione culturale diffusa ovvero più estesa, flessibile e inclusiva rispetto all’offerta strettamente didattica dell’Istituto.

 

Cattedra Karol Wojtyła

Creata nel 2003 come centro di studio sul pensiero filosofico, teologico e poetico di Karol Wojtyła, della tradizione culturale in cui questo pensiero è nato, e delle prospettive che in esso si aprono per la persona umana, per la società e per la Chiesa.

Attraverso borse di ricerca, lezioni monografiche e seminari di studio con esperti invitati, la Cattedra Wojtyła si propone di indagare principalmente le seguenti tematiche: il rapporto tra persona, famiglia, società e Stato; paternità, maternità e figliolanza; l’Europa e i suoi “due polmoni”; verità, amore, fede e tolleranza.

 

Area Internazionale di Ricerca in Teologia Morale

Attiva dal 1997, ha lo scopo di promuovere la riflessione circa le linee di rinnovamento della teologia morale alla luce della Veritatis splendor. Le modalità di lavoro sono la preparazione di Seminari e Colloqui tra esperti, la promozione di ricerche e tesi dottorali, l’elaborazione di testi all’interno di ipotesi e piste comuni di riflessione.

 

Area Internazionale di Ricerca in Teologia Sacramentaria

Istituita nel 2014 per approfondire le questioni riguardanti il sacramento del matrimonio, sulla scia indicata da san Giovanni Paolo II: sottolineando il suo collegamento con le esperienze originarie dell’uomo (orizzonte culturale) e riflettendo sul posto del sacramento del matrimonio nell’intera economia sacramentaria (orizzonte teologico).

 

Osservatorio internazionale

L’Osservatorio Internazionale sulla Famiglia è una nuova iniziativa nata dalla cooperazione tra il Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II, l’Università Cattolica di Murcia e il Centro Internazionale Studi Famiglia (CISF) di Milano. Il progetto di ricerca evidenzia l’interconnessione tra il campo delle relazioni familiari, le condizioni di povertà delle persone e le dinamiche macro-sociali. L’indagine, di durata triennale (2019-2021), si concentra sul tema famiglia e povertà, declinandolo secondo due direttrici: famiglia e povertà relazionale; famiglia e povertà economica. Oltre alla promozione della ricerca scientifica, l’Osservatorio si dedica a un servizio di monitoraggio e diffusione periodica di notizie, temi e approfondimenti che riguardano la vita delle famiglie.