Master in Fertilità e Sessualità Coniugale - Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su Matrimonio e Famiglia
               

\\ : Articolo

Master in Fertilità e Sessualità Coniugale

Di Admin (del 15/05/2009 @ 11:00:00, in 2 - Didattica, visitato 12382 volte)
 
 
Master in Fertilità e Sessualità Coniugale - VERSIONE ITALIANA
 
 
in collaborazione con
Confederazione Italiana dei Centri di RNF (CICRNF)
Institut Européen d’Education Familiale (IEEF)
Fédération Africaine d’Action Familiale (FAAF)
Centro Studi e Ricerche Regolazione Naturale della Fertilità (CSRRNF)
 
 
Presentazione
 
Il percorso pedagogico risponde all’invito del Santo Padre Benedetto XVI di offrire nel contesto del dibattito sociale e culturale odierno una proposta che illumini il cammino dei coniugi nella fecondità del loro amore.
Di fronte ad una progressiva privatizzazione e banalizzazione della sessualità, che ha rinchiuso l’amore nell’autosoddisfazione, si vuole riscoprire la verità dell’amore e il suo destino autentico.
Si tratta del primo Master che inserisce la formazione degli insegnamenti di Metodi Naturali nell’iter della formazione universitaria con un riconoscimento sia civile che canonico.
La proposta accademica, che prevede corsi di insegnamento e stages di formazione pratica, si basa su:
 
Visione antropologica fondata sui grandi insegnamenti magisteriali di Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, in particolare - Humanae vitae, Familiaris consortio e Deus Caritas est.
 
Conoscenza della fertilità: fondamenti scientifici dei metodi di regolazione naturale della fertilità nei diversi periodi e situazioni della vita; metodologia di accompagnamento delle coppie; programmi differenziati di formazione sui metodi di regolazione naturale della fertilità.
 
Finalità e obiettivi
Il Master Universitario ha lo scopo di offrire una qualificata formazione scientifico-pratica sulla regolazione naturale della fertilità nell’orizzonte di una visione antropologica e teologica adeguata della sessualità e dell’amore coniugale.
 
Destinatari
Possono presentare domanda di ammissione al colloquio attitudinale coloro che sono in possesso di un titolo di Laurea triennale, di Laurea specialistica, di Laurea a ciclo continuo (vecchio ordinamento) o di titoli equipollenti rilasciati all’estero e accompagnati da dichiarazione di valore (in modo particolare a: insegnanti di metodi di regolazione naturale della fertilità; professionisti del settore sanitario; psicologi e pedagogisti; operatori di pastorale familiare).
 
Titolo finale
A coloro che avranno concluso l’intero percorso formativo sarà rilasciato un titolo di Master Universitario di I livello, come previsto dalla legislazione italiana, e un titolo di Master in “Fertilità e sessualità coniugale”, con riconoscimento canonico.
 
Sruttura
Il corso ha durata biennale. Il I anno prevede tre weekend residenziali e una settimana intensiva (nel mese di luglio). Il secondo anno prevede quattro weekend residenziali e una settimana intensiva (nel mese di luglio). Il calendario degli stages verrà stabilito dagli organismi consorziati. L'ammissione al Master universitario in Fertilità e Sessualità Coniugale si realizza sulla base della valutazione comparata da parte della Commissione esaminatrice del curriculum del candidato in relazione all'esperienza maturata e, eventualmente, di un colloquio di carattere motivazionale. 
 
 
 
 
 
 
 
   
 
 
Segreteria del Corso:
 
Dott.ssa Susanna Befani
 
Pontificio Istituto Giovanni Paolo II
P.zza S. Giovanni in Laterano, 4
00120 Città del Vaticano
Tel: (+39) 06.698.86113
Fax: (+39) 06.698.86103
E-mail: master@istitutogp2.it
Sito internet: www.istitutogp2.it
 
 
 
   
ORARIO LEZIONI E SCADENZE - 2017 (II ANNO): consulta qui il file xlsx (il file verrà aggiornato man mano, si prega di consultarlo dunque periodicamente per rimanere sempre aggiornati)
 
  
CALENDARIO DEI CORSI 2016-2017 - descrizioni corsi con titoli in pdf
 
Versione italiana
10-11 febbraio 2017
5-6 maggio 2017
10-15 luglio 2017
 
 
 
SCADENZE 2016-2017:
 
Sessione dicembre 2017                   Sessione febbraio 2018
Consegna attestazione stage            1 ottobre 2017                                    15 dicembre 2017
Consegna copie tesine                     31 ottobre 2017                                   15 dicembre 2017
Termine per completare
elaborati on-line                               31 ottobre 2017                                    15 dicembre 2017
Esami di grado                                15 dicembre 2017                                 23 febbraio 2018
 
  
NORME GENERALI
 
1. La frequenza del Corso è obbligatoria (con firma di frequenza) a non meno dell’80% delle lezioni frontali.
 
2. Possono fare domanda di ammissione al colloquio attitudinale coloro che sono in possesso di un titolo di Laurea triennale, di Laurea specialistica o a ciclo continuo (vecchio ordinamento) o di titoli equipollenti rilasciati all’estero e accompagnati da dichiarazione di valore (rilasciata dal consolato italiano nel paese di rilascio del titolo).
 
3. L’ammissione al Corso è condizionata ad un colloquio attitudinale e, per gli studenti stranieri, dalla conoscenza della lingua italiana. Si richiede una lettera di presentazione del proprio superiore ecclesiastico per i sacerdoti, i religiosi e i seminaristi. I laici dovranno presentare una lettera del parroco.
 
4. La domanda di ammissione al Master, dattiloscritta in carta semplice, dovrà essere indirizzata a: Prof. Livio Melina, Pontificio Istituto Giovanni Paolo II – P.zza S. Giovanni in Laterano, 4 – 00120 Città del Vaticano. Nella domanda, che dovrà pervenire entro la data indicata, dovranno essere indicate: le proprie generalità, il titolo accademico posseduto, l’indirizzo, un recapito telefonico ed e-mail a cui sarà fatta ogni comunicazione. Alla domanda dovranno essere inoltre allegati una foto, un curriculum vitae, da cui emerga l’interesse del candidato per il tema del Master, una fotocopia del certificato di Laurea (nel quale appaiano esame finale ed elenco degli esami svolti) e la dichiarazione di valore del titolo di studi universitario. L’eventuale colloquio attitudinale è finalizzato alla conoscenza delle motivazioni del candidato e della attitudine al tipo di corso.
 
5. I candidati che avranno superato l’eventuale colloquio attitudinale, saranno invitati ad immatricolarsi entro la data indicata, consegnando in segreteria la documentazione richiesta.
 
6. Documenti richiesti per la prima iscrizione o immatricolazione:
 
- domanda di iscrizione, su modulo fornito dalla Segreteria - Modulo di iscrizione (pdf);
- certificato di nascita in carta semplice o autocertificazione;
- titolo di studio di scuola superiore valido per l’accesso all’Università nel Paese di provenienza (in originale);
- certificato originale di Laurea triennale, di Laurea specialistica o a ciclo continuo (vecchio ordinamento) o di titoli equipollenti rilasciati all’estero e accompagnati da dichiarazione di valore;
- lettera di presentazione del proprio Superiore Ecclesiastico per i sacerdoti, i religiosi ed i seminaristi. I laici dovranno presentare una lettera del Parroco;
- ricevuta comprovante l’avvenuto pagamento delle tasse (€ 2.100,00 per l’intero corso, da versare in due rate: (€ 1.100,00 all’atto dell’iscrizione e € 1.00,00 entro la data indicata. L’importo non include gli stages);
- tre fotografie formato tessera;
- gli studenti non cittadini italiani: permesso di soggiorno in fotocopia e originale
  
8. La Segreteria provvederà automaticamente al rinnovo dell’iscrizione al II anno di corso.
 
9. È vietata l’iscrizione contemporanea a diverse Università o Atenei Pontifici per conseguire gradi accademici. La duplice iscrizione sarà annullata e gli esami verranno invalidati.
 
10. Spetta ai Direttori del Corso concedere dispense da corsi già frequentati. Di norma saranno concesse dispense solo per i corsi con i medesimi docenti e lo stesso programma di cui si sia già sostenuto il relativo esame.
 
 
Norme per il conseguimento del Master
 
Per il conseguimento del titolo di Master in Fertilità e Sessualità Coniugale ogni iscritto dovrà frequentare non meno dell’80% delle lezioni, superare tutti gli esami, realizzare quanto richiesto per gli stages e dimostrare la conoscenza elementare di almeno una delle seguenti lingue (esclusa quella materna e di ceppo diverso da essa): inglese, francese, tedesco, spagnolo. Detta conoscenza è dimostrata da regolare documentazione o dal superamento di una prova presso l’Istituto Giovanni Paolo II (a richiesta dell’interessato): essa consiste nella lettura e traduzione immediata di opere.
Dovrà, infine, essere elaborata una tesina di non meno di 30 e non più di 50 cartelle, corredata di opportuna bibliografia, su un argomento proposto dal candidato entro la fine delle lezioni del II anno e presentato mediante modulo (schema di tesi), fornito dalla Segreteria dell’Istituto Giovanni Paolo II, approvato dai Direttori del Corso. Detta tesina, in 3 copie cartacee più una copia in PDF (che va inviata a antiplagio@istitutogp2.it) in formato regolamentare, dovrà essere consegnata nei termini previsti unitamente al modulo del “nulla osta” firmato dal Professore Relatore da sottoporre all’approvazione dei Direttori del Corso, nelle sessioni previste dal calendario e discussa davanti ad una Commissione di Professori.
Ogni lavoro scritto deve essere redatto personalmente dallo studente: riportare testi di altri autori senza indicarlo significa commettere un “plagio” che prevede la sospensione del lavoro e altri eventuali provvedimenti disciplinari.
Il corso si conclude con la discussione pubblica della tesi, davanti alla Commissione.
 
Il voto finale (espresso in trentesimi) è calcolato in base ai seguenti coefficienti:
– Media corsi:           50% (32 ECTS)
– Dissertazione:       50% (18 ECTS)
 
In caso di decimali, fino ai voti inferiori allo 0,5 si arrotonda per difetto; per voti uguali e superiori allo 0,5 si arrotonda per eccesso.
 
 
MODULISTICA
 
6). Delega
 
 
 
 
 
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
Visualizza profilo Admin

Admin è l'autore di questo articolo.
Scrivimi pure!

...